una macchia da definire

Gentile sig. R.,

    nell’inverno 2014-15 ho acquistato igrodry per risanare la parte inferiore di una parete dell’appartamento (primo piano di uno stabile del 1924): dietro alla libreria avevo scoperto una massiccia colonizzazione di muffe. Si andava dalle nere dell’angolo parete (è lo spigolo del condominio e la zona sorgente mi pare) alle fulve maggioritarie dietro i libri talora sugli stessi.

    Ora dietro la libreria, che minitoro spesso, la situazione risulta ancora buona e non riscontro muffe (ho applicato tre mani del prodotto). Invece all’angolo mi si sono riformate delle macchie scure (sempre nella parte bassa, immagino ci siano ponti termici costruttivi e/o per la presenza degli allacci telefonici ecc.).

    Forse sbagliando, ma non riuscendo a togliere le macchie nere ho provato a grattare o rabottare un po’ come vede dalle fotoallegato: vi ho trovato uno strato verdegrigiastro, poi uno color mattone e sotto quello nero: il bianco ricompare solo sotto quella pellicola scura.

    I colori scuri le sembrano muffa?

    Altra domanda: pensa che valga la pena riapplicare igrodry in quell’angolo ?

    Ora, la volta scorsa avevo conservato un po’ di prodotto residuo ma un foro nel flacone (era arrivato forato dal corriere) pur chiuso con scoth da idraulico ha fatto sì che lo abbia trovato vuoto. Mi chiedevo se non fosse possibile acquistare la quantità del campione che sarebbe eventualmente sufficiente per l’angolo. Se non proprio non fosse possibile e se lei mi consigliasse di riapplicare il prodotto acquisterò il flacone intero.

    Mi scuso per il tempo sottrattole e colgo l’occasione per augurarle buone feste!

    R. N.


———–

Signor R. purtroppo dalle foto del particolare si capisce ben poco, possibile che si tratti di una piccola infiltrazione esterna? Se dice che ci sono i fili telefonici non è rara la possibilità che l’acqua dall’esterno scorra lungo la canaletta e vada a bagnare il muro in quel punto.

A mio parere, da quel che riesco a capire, sembrerebbero più che muffe, un rigonfiamento murario dovuta alla cristallizzazione dei sali.

Quello che le chiederei è di riuscire a fotografare più in dettaglio quel punto, perché, qualora fosse dell’acqua che le entra dalla canaletta (o le si infiltra per altri motivi), prima di risanare sarebbe opportuno inseguire il problema e risolverlo a monte altrimenti tra qualche mese le si potrebbe ripresentare allo stesso modo.

A seguito di tale ispezione semmai decideremo le quantità che le serviranno per risanare, controlli anche se in quel punto rileva un muro più umido del normale.

Attendo sue notizie, nel frattempo le invio i miei auguri per le feste.

………

Signor R., ripensandoci, prima di rifotografare la zona, provi ad uniformare la superficie con una spazzola di radica e lavare con una spugnetta umida (meglio se imbevuta con acqua distillata) in modo da poter capire meglio se si tratta di una vecchia pittura o vecchie muffe che son rimaste sepolte sotto le ultime pitturazioni.

In realtà potrebbe trattarsi anche di pitture impermeabilizzanti che hanno favorito il procreare di muffe sotto lo strato protettivo ed il prodotto non sia riuscito a penetrarvi…
Le opzioni in fondo sono molte, bisogna solo avere idee chiare su cosa vi sia in quel punto e provvedere al meglio.

Eventualmente mi ricontatti telefonicamente per ulteriori chiarimenti, il mio recapito è 33xxxxxxxxx

Saluti di nuovo

 

 

Posted in: Domande degli utenti

Share
Share