Le soluzioni a metà ottenute con gli intonaci macroporosi

intonaci macroporosiIl problema dell’umidità nelle murature, già semplicemente sfogliando la rete, risulta fortemente sentito in qualsiasi località e latitudine l’applicazione di intonaci macroporosi però non è una soluzione durevole. Il problema infatti affligge in maniera più o meno esaltata oltre il 60% degli edifici di recente, di media o di vecchia costruzione.
Va anche notato che, con l’avanzare degli anni, gli edifici tendono a peggiorare inesorabilmente il loro stato di degrado tanto da rendere la vita degli inquilini che vi abitano sempre più insalubre e comprometterne la loro stessa staticità.

Molte sono allora le aziende che offrono prodotti (più o meno validi) studiati per risolvere e per far fronte a questo sentito e serio problema.

Tra le soluzioni più diffuse ed accreditate sul mercato, quello ad intonaco macroporoso, sembra essere la soluzione più accreditata e durevole, ma non certo risolutiva e tantomeno semplice o economica da applicare.

Vediamo il perché

Il trattamento prevede di demolire totalmente l’intonaco marcio ed umido preesistente con uno nuovo dalle caratteristiche leggermente diverse.
Il nuovo intonaco (denominato deumidificante) sarebbe in grado di espellere l’acqua attraverso la macroporosità contenuta nell’intonaco stesso e di aumentare quindi la capacità di smaltimento dell’acqua rispetto a quella assorbita dal terreno. Questi prodotti manterrebbero il grado di umidità della muratura in uno stato di equilibrio, permettendo l’evacuazione dell’acqua sottoforma di vapore (il problema è che questa avcqua verrà riversata sull’ambiente abitato aumentandone l’igroscopia continuando a pomapare acqua e sale dalla muratura).

In cosa consiste l’intervento

– Si interviene dapprima individuando il livello di umidità di risalita ed evidenziando il limite dell’intervento a 50 cm sopra il punto più alto dove si manifesta l’umidità.
– Si provvede poi a demolire gli intonaci fino a mettere a nudo le murature. Si esegue quindi un lavaggio con acqua dolce a pressione della muratura Per rimuovere gli eccessi di sali, altrimenti, dove non fosse possibile, si procedere alla pulizia meccanica mediante spazzolaturadirettamente sulla muratura da risanare.
– Si applica uno strato di trattamento per creare una zona idrofobica che non permette la migrazione dell’acqua capillare e la fuoriuscita di sali e di efflorescenze in superficie.
– Si applica un intonaco deumidificante con particolari additivi chimici sulla superficie senza coprirla completamente (rinzaffo)
– Si applica poi un ulteriore strato di circa 2 cm di intonaco deumidificante più fluido e impastato molto energicamente con un surplus di acqua. Questo metodo (al pari della panna montata) fa sì che l’intonaco risulti più poroso, spumoso e leggero creando sacche di acqua e di aria che asciugando, lascierebbe zone vuote all’interno della malta (arriccio).
– Infine, a completamento, si applica lo strato di finitura con la spatola e frattazzo in spugna, in moda da rifinire il lavoro fin qui eseguito (velo).

Ora ognuno di noi è in grado di capire che, un simile trattamento, non può certo essere economico, né semplice, né rapido, né tantomeno, esente da disagi per i poveri abitanti.

 

Perché funziona per poco tempo

IntonacoMacro

Ma quello che ci preme di più evidenziare (e come riportato nelle figure in alto) è che il metodo, pur inizialmente efficace:
– non risulterà definitivo, ma stabile solo per qualche anno
– le sacche porose continueranno ad accumulare sali fino alla saturazione e al degrado successivo dell’intonaco
– l’umidità espulsa nell’ambiente continuerà a mantenere livelli igroscopici insopportabili fornendo ambiente ideale per muffe, funghi, alghe e batteri
– non viene risolto il problema della dispersione termica in quanto il muro interno rimane comunque umido.

IgroDry, in confronto a tutto questo, è una vera panacea perché è in grado di risolvere velocemente e con rapidità tutti i problemi di umidità muraria e muffe negli ambienti; è anche il prodotto più adatto, ecologico, rapido e sicuro in grado di risanare in pochi giorni ogni tipo di muratura.
Vai a conoscere in esclusiva le grandi opportunità che ti offre.

 

IDShopM

 

Share

Un pensiero riguardo “Le soluzioni a metà ottenute con gli intonaci macroporosi

  • 17 settembre 2013 in 10:13
    Permalink

    Ottimo articolo, ora ho capito perché conviene sempre risanare una muratura dai sali anziché fare trattamenti temporanei che si rivelano poi, costosi e poco durevoli!!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share
CHIUDI
CLOSE